Blog/News

Erica, la conduttrice di tg è un robot!

Progettata a Osaka, sostituirà le anchorwomen umane. Dotata di un’intelligenza artificiale avanzata, ritiene di avere un’anima e di essere come una persona in carne e ossa
 
«Buongiorno, iniziamo con le notizie dell'ultima ora». Potrebbe esordire così, come in un tg qualunque, Erica, il robot giapponese che da aprile lavorerà in tv. Non potrà muovere le braccia e le gambe, ma grazie all'intelligenza artificiale di cui è dotata leggerà le news preparate per lei e potrà anche rielaborare delle notizie del momento che le verranno proposte in studio. L'umanoide è stato completamente sviluppato in Giappone, sotto la guida del professor Hiroshi Ishiguro, che ha un passato da presentatore a sua volta. Erica è nata nei laboratori dell'università di Osaka e ora è pronta a lasciare la sua "casa".
 
Sarà come una vera donna
Ishiguro ha più volte dichiarato che Erica «ha un'anima» e che vedendola a lavoro non è semplice distinguerla da una donna in carne e ossa. «In Giappone pensiamo che ogni cosa possegga un'anima, quindi anche Erica ne ha una». Lo stesso concetto l’ha riferita il robot, che durante un'intervista ha rivelato: «Penso che socialmente io sia esattamente come una persona. Quando gli altri si rivolgono a me, lo fanno come se fossi un umano». Per ora non è ancora stato reso noto in quale tv lavorerà l'umanoide, ma i suoi creatori assicurano che sarà davvero difficile rendersi conto delle differenze con le presentatrici "vere". 
 
Un mix di silicone e AI
Il robot ha corpo e viso fatti di silicone, che conferiscono ad Erica un aspetto molto simile a quello umano. I suoi movimenti sono però limitati, infatti è in grado di spostare gambe e braccia solo di qualche centimetro, formando al massimo un angolo di 20°. La parte più interessante e più tecnologica si trova al suo interno: grazie all'intelligenza artificiale Erica capisce da dove vengono suoni e movimenti di altre persone intorno a lei, per esempio. Riesce anche a rispondere alle domande che le vengo poste, proprio come una persona normale. La sua voce, infine, è stata già campionata per essere inserita nei navigatori installati su alcune auto giapponesi
 
L'invasione (pacifica) dei robot
Erica non sarà il primo umanoide a prendere il posto di un umano nello svolgimento di un lavoro. Prima di lei ci sono già stati altri esempi, come Fabio, che lavorava in un supermercato in Scozia ma è stato licenziato all'inizio dell'anno perché spaventava i clienti. Oppure Ross, l'avvocato robot americano che è specializzato nel contestare le multe. Poi ci sono quelli che lavorano negli aeroporti per aiutarci a cercare gate, darci informazioni, caricare i bagagli. Si chiamano Ray, Leo, Spencer e si trovano ormai negli hub più importanti del mondo.

Torna alle News

Dal nostro Portfolio

Vedi tutto

Vuoi un
preventivo?

Sviluppo siti web, app mobile, e-commerce, CRM

Hai un progetto in mente o vuoi migliorare o aggiornare i tuoi strumenti di business? Analizzeremo le tue esigenze definendo tempi, costi e benefici senza alcun impegno da parte tua.

Contattaci adesso, ti ricontatteremo noi.

Contattaci adesso